Menu Chiudi

Come e quando potare il basilico per massimizzare il raccolto

Come fare la potatura del basilico
Piante e fiori

Vuoi sapere come ottenere un raccolto continuo e abbondante di basilico? In questo articolo, scoprirai i segreti per potare il basilico nel modo giusto.


La potatura del basilico è un’arte che può sembrare complicata, ma con le giuste informazioni, diventa un compito semplice e gratificante. Una buona potatura non solo promuove la crescita rigogliosa della pianta, ma garantisce anche un raccolto abbondante. In questo articolo, ti guideremo passo dopo passo su come e quando potare il basilico per ottenere il massimo dai tuoi sforzi di giardinaggio. Scoprirai anche come conservare le foglie per l’inverno e come gestire il basilico in vaso.

La giusta stagione per potare il basilico

Il basilico, una pianta amante del sole e del calore, trova il suo ambiente ideale durante l’estate. Tuttavia, può essere coltivato anche in primavera e autunno, a patto che si scelgano varietà adatte e si protegga la pianta dalle temperature rigide. Il momento migliore per iniziare a potare il basilico è tra aprile e maggio, quando la pianta inizia a svilupparsi e a produrre le prime foglie.


Durante questo periodo, la potatura precoce favorisce la ramificazione e la formazione di una chioma folta e vigorosa. Si può continuare a potare fino a settembre, periodo in cui la pianta rallenta la sua crescita e si prepara al riposo invernale. In autunno, si può procedere con una potatura più drastica per raccogliere le ultime foglie e conservarle per i mesi più freddi.

Per garantire una crescita ottimale, è essenziale eseguire tagli regolari, mantenendo sempre almeno due o tre paia di foglie sulla pianta. Questo metodo stimola la pianta a crescere in modo compatto, evitando che si allunghi e diventi legnosa. Ricorda, però, di non tagliare mai più di un terzo della pianta per volta, per non indebolirla eccessivamente.

Come potare il basilico: tecniche e strumenti

Potare il basilico richiede l’uso di forbici da giardinaggio ben affilate e pulite, per evitare di danneggiare la pianta o di trasmettere malattie. È fondamentale seguire alcune semplici regole per garantire una potatura efficace e sicura:


  1. Potare dalla cima verso il basso, seguendo la direzione di crescita della pianta.
  2. Tagliare sempre sopra una foglia o una coppia di foglie, lasciando almeno due o tre paia di foglie sulla pianta.
  3. Effettuare tagli netti e obliqui per favorire la cicatrizzazione e la formazione di nuovi germogli.
  4. Per evitare di indebolirla troppo, non dovrai mai tagliare più di un terzo della pianta per volta.
  5. Potare con una certa frequenza, almeno una volta al mese, per mantenere la pianta in forma e stimolare la produzione di nuove foglie fresche e profumate.

Seguire queste regole aiuta a mantenere il basilico sano e vigoroso, assicurando una produzione costante di foglie per tutta la stagione. Inoltre, potare regolarmente evita che la pianta diventi troppo alta e legnosa, mantenendo una forma compatta e ordinata.

Dove effettuare i tagli per una crescita ottimale

Per ottenere i migliori risultati, è importante sapere dove effettuare i tagli sul basilico. Il basilico ha una crescita verticale con uno o più steli principali dai quali si dipartono i rami laterali. La potatura può essere suddivisa in due tipologie principali: la potatura di formazione e la potatura di mantenimento.


Potatura di formazione. Quando la pianta è ancora giovane e ha poche foglie, è consigliabile eseguire una potatura leggera per dare forma alla pianta e favorire la ramificazione. Questo tipo di potatura prevede di tagliare la cima della pianta sopra una coppia di foglie, stimolando la formazione di due nuovi germogli laterali. Questa operazione può essere ripetuta sui rami laterali, tagliando sempre sopra una coppia di foglie per favorire una crescita più folta e compatta.

Potatura di mantenimento. Quando la pianta è già ben sviluppata e ha molte foglie, è necessaria una potatura più frequente e severa. Questo tipo di potatura ha lo scopo di rinnovare la pianta e favorire la produzione di foglie fresche e profumate. Per fare questo, si tagliano i rami laterali sopra una coppia di foglie, stimolando la formazione di nuovi germogli e foglie. Se si desidera ridurre l’altezza della pianta o raccogliere una grande quantità di foglie, si può tagliare anche lo stelo principale.


Conservare il basilico per l’inverno

Il basilico teme il freddo e le gelate, quindi è fondamentale raccoglierlo e conservarlo correttamente per l’inverno. La raccolta avviene solitamente a settembre, quando la pianta rallenta la sua crescita. Ecco come procedere:

  1. Tagliare la pianta seguendo le regole della potatura del basilico, raccogliendo tutte le foglie che si desidera conservare.
  2. Lavare e asciugare le foglie accuratamente per rimuovere terra e insetti.
  3. Scegliere il metodo di conservazione preferito tra congelamento, essiccazione, salatura, insaporimento o sottovuoto.

Metodi di conservazione del basilico:

  • Congelamento: Lavare e asciugare le foglie, poi metterle in sacchetti di plastica per alimenti. Congelare immediatamente per preservare l’aroma.
  • Essiccazione: Appendere le foglie in un luogo asciutto e ben ventilato. Una volta essiccate, conservare in barattoli di vetro.
  • Salatura: Strati di foglie e sale grosso in un barattolo, pressando bene e chiudendo ermeticamente.
  • Insaporimento: Conservare le foglie in olio d’oliva, creando un basilico aromatico perfetto per condire piatti invernali.
  • Sottovuoto: Mettere le foglie in sacchetti sottovuoto e conservarle in freezer per un utilizzo prolungato.

Seguendo questi metodi, potrai godere del sapore fresco del basilico anche nei mesi più freddi, aggiungendo un tocco di estate ai tuoi piatti invernali.

Potatura del basilico in vaso

Il basilico è una pianta che si adatta bene anche alla coltivazione in vaso, ma richiede alcune cure specifiche. Per potare il basilico in vaso, segui le stesse regole della potatura del basilico in terra, con alcuni accorgimenti aggiuntivi:

  1. Potare almeno una volta ogni due settimane per evitare che la pianta diventi troppo grande per il contenitore e per stimolare la produzione di nuove foglie.
  2. Tagliare con maggiore cura, evitando di lasciare monconi che potrebbero marcire e infettare la pianta.
  3. Prestare attenzione alle radici, evitando di danneggiarle o di strappare le foglie che potrebbero rimanere attaccate al bordo del vaso.

Con questi semplici accorgimenti, il tuo basilico in vaso crescerà sano e vigoroso, garantendoti una fornitura costante di foglie fresche per tutto l’anno.

basilico in autunno

Seguendo queste linee guida su come e quando potare il basilico, potrai massimizzare il raccolto e mantenere la tua pianta sana e produttiva. Buona potatura!

foto © stock.adobe


Segui Hospitality-news su


LEGGI ANCHE...