Menu Chiudi

La tua lavanda sta seccando? Scopri i motivi e come prevenire

Lavanda con steli secchi: cause e rimedi
Piante e fiori

Non lasciarti sorprendere da sfide di giardinaggio inaspettate e scopri perché la tua lavanda si sta seccando alla base e come puoi intervenire per salvare questa meravigliosa pianta.


La lavanda (Lavandula angustifolia) è apprezzata per il suo profumo e i suoi benefici, ma può capitare che si presenti un problema: gli steli secchi alla base. Questo fenomeno può creare allarme e sconforto tra i giardinieri, soprattutto principianti. Comprendere le cause di questo problema è il primo passo per risolverlo efficacemente. In questo articolo, esploreremo le varie ragioni del disseccamento alla base degli steli della lavanda e ti forniremo soluzioni pratiche per mantenere la tua pianta sana e rigogliosa.

Il ciclo naturale e la potatura della lavanda

La lavanda è un arbusto che, con l’avanzare del tempo, tende a sviluppare steli alla base legnosi e spessi. Questo è un processo naturale che fa parte del ciclo di vita della pianta. Con il tempo, la parte inferiore di questi steli può apparire nuda e secca, un fenomeno noto come lignificazione. Per contrastare questo processo, è fondamentale potare regolarmente la lavanda. Questo processo previene la lignificazione eccessiva e, nel contempo, stimola anche la pianta a produrre nuove crescite più verdi e tenere.


La potatura deve essere eseguita con cura, idealmente subito dopo la fioritura completa. Questo consente alla pianta di concentrarsi sulla crescita di nuovi steli e fiori per la stagione successiva. Non esitare a tagliare drasticamente; la lavanda tollera bene le potature drastiche e risponde producendo nuovi fiori. Ricorda di utilizzare sempre forbici pulite e affilate per evitare di danneggiare la pianta e per ridurre il rischio di malattie.

Problemi di marciume radicale e gestione dell’irrigazione

Una delle cause più comuni di disseccamento alla base della lavanda è il marciume radicale, spesso dovuto a un’eccessiva irrigazione. Se la tua amata pianta presenta steli secchi e mollicci, con foglie palesemente marroni, potresti essere di fronte a un problema di marciume. La lavanda preferisce condizioni di suolo all’insegna del drenaggio e non tollera “i piedi bagnati”. Pertanto, è cruciale garantire che il terreno si asciughi completamente tra un’annaffiatura e l’altra.

Lavanda con steli secchi: cause e rimedi


Se sospetti che il marciume radicale sia la causa del problema, valuta la possibilità di rinvasare la pianta in un terreno con migliore drenaggio. Utilizza un mix di terra per piante mediterranee o aggiungi perlite o sabbia grossolana per migliorare il drenaggio.

Durante il rinvaso, ispeziona le radici e rimuovi quelle danneggiate o marce, e assicurati di non innaffiare eccessivamente in futuro. È fondamentale adottare queste misure preventive per proteggere la tua lavanda, assicurando che il suo ambiente sia il più ottimale possibile per evitare future complicazioni.


Reazione al freddo e strategie protettive

La lavanda non è particolarmente amante del freddo. Può infatti reagire negativamente a temperature troppo basse. Se coltivi la lavanda in vaso su un balcone o in un giardino in zone dove le temperature invernali sono severe, sappi il freddo può causare il disseccamento degli steli. In questo caso, è consigliabile spostare la pianta in un luogo protetto durante i mesi più freddi o coprirla con tessuto non tessuto per proteggerla dalle gelate.

Queste strategie non solo proteggono la pianta dalle basse temperature, ma aiutano anche a mantenere una temperatura più costante intorno alle radici, favorendo la salute generale della lavanda. Aspetta che le temperature si alzino in primavera prima di riportare la pianta in uno spazio outdoor, assicurandoti di reintrodurla gradualmente per evitare shock termici.


Con una corretta cura e attenzione, la tua lavanda continuerà a prosperare e ad arricchire il tuo giardino o il tuo balcone con il suo profumo inconfondibile e le sue splendide infiorescenze. Seguendo questi consigli, potrai godere della bellezza e delle proprietà aromatiche della pianta per molti anni.

foto © stock.adobe


Segui Hospitality-news su


LEGGI ANCHE...