Menu Chiudi

Come riconoscere e coltivare la pianta miseria: tutto quello che devi sapere

Come coltivare la pianta Miseria
Piante e fiori

La pianta Misera, con le sue foglie ornamentali e le sue straordinarie proprietà purificanti, è un vero tesoro per ogni amante del giardinaggio. Scopri come coltivarla e sfruttarne al meglio i benefici.


La pianta Misera (Tradescantia spathacea), conosciuta anche come Pianta del pane o Erba Misera, è una pianta perenne proveniente dalle regioni tropicali dell’America Centrale e del Sud. È molto apprezzata non solo per la sua bellezza estetica, ma anche per le sue straordinarie proprietà benefiche. Questo articolo ti guiderà alla scoperta delle sue principali caratteristiche e ti fornirà preziosi consigli su come coltivarla al meglio.

Le straordinarie proprietà della pianta Misera

La pianta Misera è famosa per le sue molteplici proprietà, che la rendono un’integrazione preziosa in qualsiasi ambiente domestico. Non è solo una pianta bella da vedere, ma anche estremamente utile per migliorare la qualità della vita dentro casa tua.


Una delle proprietà più straordinarie della pianta Misera è la sua capacità di purificare l’aria. Questa pianta è in grado di assorbire e filtrare sostanze nocive come la formaldeide, il benzene e altri composti organici volatili presenti nell’aria.

La resistenza e adattabilità della pianta Misera sono altre caratteristiche che la rendono particolarmente apprezzata. Questa pianta è facile da coltivare e può adattarsi a diverse condizioni ambientali, dalla luce solare diretta alla mezz’ombra e persino all’ombra completa. Questo la rende una scelta ideale sia per i giardinieri esperti, sia per quelli alle prime armi.

Le sue proprietà ornamentali non sono da meno. La pianta Misera è caratterizzata da foglie vistose e decorative, con un bel colore verde scuro e striature violacee sulla parte inferiore. Queste caratteristiche estetiche la rendono perfetta per abbellire gli interni delle case, donando un tocco di natura e freschezza.


Infine, in alcune culture tradizionali, alcune parti della pianta Misera sono utilizzate per scopi medicinali. Per esempio, può essere impiegata per trattare irritazioni della pelle o come rimedio naturale per il raffreddore. Tuttavia, è sempre importante consultare un esperto prima di utilizzare qualsiasi pianta per scopi medicinali.

Come coltivarla

Coltivare la pianta Misera è un’attività che può rivelarsi foriera di grandi soddisfazioni. Iniziamo con una buona notizia: la pianta non richiede accorgimenti particolarmente complessi. Alcuni di questi, però, possono fare la differenza dal punto di vista della qualità dei risultati.


Ricordati di scegliere il terreno e il vaso adatti. Utilizza del terriccio universale ben drenato e arricchiscilo con materiali come argilla, pomice o sabbia per migliorarlo ulteriormente. Questo assicurerà che le radici della pianta non restino mai immerse nell’acqua, prevenendo così il rischio di marciume radicale. Scegli un vaso sufficientemente grande, così da dare modo alla pianta di svilupparsi indisturbata.

La luce è un altro fattore cruciale. La pianta Misera ama i luoghi luminosi. Evita però l’esposizione diretta ai raggi solari, soprattutto a metà giornata. Tenendo conto di questa indicazione, scegli di conseguenza la collocazione della pianta.


Per quanto riguarda l’irrigazione, la pianta Misera resiste bene agli eccessi idrici. Fai comunque attenzione a non esagerare. Innaffia solo quando ti accorgi che il terreno è leggermente asciutto – immergi il dito per un paio di cm nel terriccio – e abbi cura di non lasciare ristagni d’acqua nel sottovaso, pericolosi per le radici.

Durante la fase vegetativa, che coincide con l’estate, concima la pianta ogni 15-20 giorni con una soluzione specifica per piante verdi.

Le temperature moderate sono ideali per la pianta Misera. Se vivi in una zona dal clima mite per tutti i 12 mesi dell’anno, puoi coltivarla senza problemi in outdoor. Quando fa freddo, il consiglio è quello di spostarla in casa.

Come coltivare la pianta Miseria

Le principali varietà di erba miseria

Esistono numerose varietà di Tradescantia. Ecco le più popolari:

  • Tradescantia Sweetness: questa pianta è nota per la sua compattezza e gli internodi molto ravvicinati. Le sue foglie hanno una tonalità verde brillante.
  • Tradescantia Nanouk: con i suoi colori vivaci, che spaziano dal rosa al verde, la Nanouk è una delle varietà più affascinanti.
    • Tradescantia Purple Heart: questa varietà è apprezzata per i suoi piccoli fiori rosa e le foglie di un intenso colore viola. È ideale per creare contrasti cromatici con altre piante verdi.
  • Tradescantia Zebrina: probabilmente la più venduta, la Zebrina è caratterizzata da striature argentate e viola sulle foglie verdi. La sua bellezza e la facilità di coltivazione la rendono molto popolare.
  • Tradescantia Settacea Purpurea: con le sue stupende colorazioni rosa e fucsia, questa varietà è un vero spettacolo per gli occhi. Le sue foglie robuste e colorate la rendono perfetta per un tocco di vivacità.
  • Tradescantia Spathacea: distinguibile per la robustezza delle sue foglie, questa pianta è molto resistente e adatta anche a condizioni ambientali non semplici.
  • Tradescantia Fluminensis: con le sue foglie bianche e verdi, aggiunge un tocco di eleganza e freschezza a qualsiasi ambiente. È perfetta per chi cerca una pianta dall’aspetto delicato ma resistente.
  • Tradescantia Quadricolor: nota per la sua capacità di produrre numerosi fiori, questa varietà offre una spettacolare fioritura che può aggiungere un tocco decorativo unico.
  • Tradescantia Multiflora: anche questa varietà è rinomata per la sua abbondante fioritura, rendendola particolarmente adatta a chi desidera una pianta molto decorativa.

La pianta Misera è una scelta eccellente per chi desidera un’alleata verde affascinante, resistente e facile da coltivare. Seguendo questi consigli, potrai godere a lungo delle sue molteplici proprietà e della sua straordinaria bellezza.

foto © stock.adobe


Segui Hospitality-news su


LEGGI ANCHE...